L’Unicorno.
Nelle Grotte di Lascaux, in Francia, quando il tempo psichico batteva il rintocco del Paleolitico superiore, un immagine del Liocorno schizzava con prepotenza dalla parete levigata. Molti e molti anni psichici prima di questo evento, l’Unicorno popolava la zona mediterranea, perché si cibava di gustosi granchi che trafiggeva con il suo corno appuntito.
Il tempo psichico non differisce da quello fisico, sono entrambi stratagemmi intelligenti per occultare il Presente Statico, in cui ogni atomo d’esistenza ha moto e luogo.
L’Unicorno si avvaleva di una cacciatrice di granchi, guardinga e spietata, che spianava il rito della caccia organizzata. La nobile figura incorporava parte del tagliente destriero, come un solo intento per una magica creazione.

 
Si può vedere la cacciatrice di granchi mentre caccia. (Figura intera). (olio su tela 150x100)